Aismme Onlus

Aiutaci a crescere

Come puoi aiutare Aismme?


Con il tuo cinque per mille

Stampa promemoria

Dona il tuo 5 per mille

 

I contributi liberali da te versati sono fiscalmente detraibili come stabilito e nei limiti di legge, come sotto riportato. Pertanto l'associazione rilascerà la relativa ricevuta fiscalmente detraibile.

new!!NOVITA': Fai unadonazione con Paypal
Se possiedi un conto paypal puoi fare una donazione di qualunque importo direttamente dal web in tutta sicurezza.

 

Si raccomanda a quanti volessero contribuire di segnalare alla propria banca i propri dati completi (nome, cognome, indirizzo) da inserire nella contabile di versamento. Solo in questo modo l'associazione potrà rilasciare la relativa ricevuta e rintracciare il "donatore". Grazie !

L’evento che un bambino nasca affetto da una Malattia Metabolica Ereditaria può capitare in ogni famiglia, ad ogni genitore, ad ognuno di noi. Per cui nessuno può e deve sentirsi estraneo a queste problematiche. Ci dobbiamo sentire tutti impegnati.
La solidarietà è uno dei modi per cominciare a cambiare le cose. Se credi, come noi, nell’importanza della solidarietà, aiutaci. Puoi sostenere i nostri progetti donando un contributo che si trasforma, in modo concreto ed immediato, in salute e futuro per bambini e adulti affetti da Malattie Metaboliche Ereditarie.
Puoi aderire all'AISMME Associazione Italiana Sostegno Malattie Metaboliche Ereditarie Onlus attraverso un tuo contributo libero (erogazione liberale) che puoi versare:
-sul Conto Corrente Postale N° 68.59.58.34
IBAN: IT 08 G 07601 12100 000068595834
-su BANCA ETICA

IBAN: IT 58 S 05018 12101 0000 1121 8104

Cin
Abi
Cab
C/c n.
S
05018
12101
11218104

Banca popolare Etica

specificando la causale: DONAZIONE.

I contributi liberali da te versati sono fiscalmente detraibili come stabilito e nei limiti di legge, come sotto riportato. Pertanto l'associazione rilascerà la relativa ricevuta.

+ dai, - versi
deducibilità fiscale delle erogazioni liberali

La Legge n. 80 del 14 maggio 2005 ha convertito il decreto-legge n. 35 del 14 marzo 2005, e nell’articolo n. 14 riguarda la nuova regolamentazione sulla deducibilità fiscale delle erogazioni liberali effettuate dopo il 17 marzo 2005.

La circolare n. 39/E dell’Agenzia delle entrate datata 19 agosto 2005 fornisce ulteriori indicazioni e precisazioni operative.

A partire dal periodo d’imposta 2005 è possibile, per imprese e per persone fisiche, dedurre le donazioni a favore di Onlus e associazioni di promozione sociale nella misura del 10% del reddito imponibile e fino a un massimo di 70.000 € l'anno.

Le donazioni possono essere effettuate a favore di:

- ONLUS, Organizzazioni non lucrative di Utilità Sociale (articolo 10 del decreto legislativo 4 dicembre 1997, n. 460), comprese le cosiddette "ONLUS di diritto" e le "ONLUS parziali".

- Associazioni di promozione sociale iscritte nel registro nazionale (articolo 7, commi 1 e 2, della legge 7 dicembre 2000 n. 383) e i loro livelli territoriali.

- Fondazioni e associazioni (decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42) riconosciute, con personalità giuridica, aventi per oggetto statutario la tutela, promozione e valorizzazione dei beni di interesse artistico, storico e paesaggistico.

Le erogazioni in denaro a favore delle associazioni non-profit devono essere effettuate avvalendosi di specifici sistemi di pagamento: banca, ufficio postale, carte di credito e prepagate, assegni bancari e circolari. Il vincolo è fissato per avere effettiva documentazione dell’avvenuta donazione.

La nuova norma ampia la possibilità anche delle donazioni in natura, anche in questo caso con vincoli. Per identificare il valore normale del bene si dovrà fare riferimento al valore desumibile in modo oggettivo da listini, tariffari, o dal prezzo di mercato. Se non è possibile desumere il valore sulla base di altri criteri oggettivi, chi dona potrà ricorrere alla stima di un perito.
Chi dona beni in natura deve sempre acquisire documentazione che comprovi il valore reale di ciò che dona e la una ricevuta da parte dell’organizzazione beneficiaria che contenga la descrizione analitica e dettagliata dei beni donati con l’indicazione dei relativi valori.

Le organizzazioni che ricevono elargizioni in natura o in denaro hanno l’obbligo della la tenuta di scritture contabili, complete e analitiche, rappresentative dei fatti di gestione. Sono inoltre tenute alla redazione, entro quattro mesi dalla chiusura dell’esercizio, di un apposito documento rappresentativo della situazione patrimoniale, economica e finanziaria (può essere anche lo stato patrimoniale e rendiconto gestionale).

Maggiori informazioni sul sito Agenzia delle Entrate - Le Liberalità alle Onlus